“TRA NONNO GELO E BABBO NATALE: COLORI, MUSICHE, TRADIZIONI… UN MONDO SENZA CONFINI…PER UN MONDO DI EMOZIONI"

“Tra Nonno Gelo e Babbo Natale…un ponte interculturale tra i bambini” è un’iniziativa che nasce dalla collaborazione tra l’AASIB (Aiutateci A Salvare I Bambini Onlus) e l’Istituto Comprensivo “Giovanni XXII” di Isernia.
Il progetto coinvolge i bambini dei cinque anni di età delle sezioni A, B e G della Scuola dell’Infanzia del plesso di San Lazzaro e i bambini della Scuola dell’Infanzia N1 “Piccolo Mondo” di Reutov, Mosca, Russia.
“Aiutateci A Salvare I Bambini” è l’unica associazione in Italia ad essere impegnata organicamente e sistematicamente sul territorio della Federazione Russa a sostegno delle cure dei bambini particolarmente bisognosi. Dietro l’immagine di un paese in costante crescita economica e ricco di risorse naturali c’è anche un mondo di bambini orfani, invalidi, vittime di violenze familiari, di atti terroristici, di guerre. È la Russia taciuta, la Russia che soffre, quella che l’associazione ha scelto di aiutare.
Il progetto ha, dunque, l’obiettivo precipuo di inserirsi in un contesto di educazione interculturale, volto a favorire processi intenzionali e pianificati in vista delle relazioni tra le culture, con al centro la necessità dell’incontro-confronto tra di esse.
Partendo dalle loro esperienze e dai loro interessi, le insegnanti coinvolte hanno voluto promuovere un’azione educativa e didattica, tendente a sollecitare l’idea di un mondo senza confini, educando al rispetto di se stessi e dell’altro…con i colori, le musiche e le tradizioni di ognuno.
L’iniziativa è stata scandita in due momenti e suddivisa in due appuntamenti:

  • Oggi, 10 dicembre, tocca alla nostra scuola trasmettere, attraverso collegamento skype, i principali aspetti della tradizione natalizia;
  • Il 12 dicembre p.v. sarà la scuola partner a proiettarci immagini relative ad abitudini e usi del loro Natale.

In una delle tre sezioni interessate dal progetto, sono stati allestiti angoli per i 74 protagonisti e riprodotte scenografie inerenti: la natività con l’accompagnamento della zampogna suonata dal musicista Piero Ricci, il gioco della tombola, la preparazione di dolci tipici, l’addobbo dell’albero di Natale…tutto in attesa dell’arrivo di Babbo Natale e della Befana, figure ignote alla tradizione russa.
Insomma…un’esplosione di energia e di entusiasmo da parte di bambini, seppure di così tenera età, tanto curiosi ed aperti ad accogliere il nuovo, opportunamente stimolati dalle insegnanti a “riconoscere che non vi è un solo modo di pensare, di vestirsi, di mangiare, di amare…” (T.B. Jelloun).
Ringraziamenti vanno al DS prof. Bruno Caccioppoli per la fiducia riservata alle docenti nella stesura e realizzazione del progetto, alla prof.ssa Manuela Fava per il suo valido e straordinario supporto nei rapporti di mediazione con la scuola dell’infanzia russa, all’USR Molise per la presenza e al musicista Piero Ricci per il suo gentile contributo.

Galleria Foto