Coronavirus e didattica a distanza

Coronavirus e didattica a distanza

Scuole chiuse. L'Istituto Comprensivo Giovanni XXIII di Isernia, non si è fatto trovare impreparato per la didattica a distanza: gli studenti si sono collegati con PC, telefonini, tablet e anche con strumenti messi a disposizione dalla scuola, per interagire con gli insegnanti e svolgere i compiti fin dai primi giorni di sospensione. Per il D.S. Bruno Caccioppoli e tutta la classe docente, la cosa più importante e prioritaria, è sempre stata quella di non perdere mai la relazione e il contatto diretto con gli studenti e le famiglie.Tutto il corpo docente si è immediatamente mobilitato per attivare e per accreditarsi sulle varie piattaforme di studio virtuale. In particolare, la scuola secondaria di 1° grado sta utilizzando per la didattica in videoconferenza la piattaforma Webex di Cisco e, per la condivisione dei materiali, Weschool. Le scuole primarie, invece, stanno adottando il classico registro elettronico per compiti e assegni, mentre per le videoconferenze stanno usufruendo della piattaforma Zoom.